ricorso alle aste elettroniche

Redazionale

Il ricorso all’uso delle aste elettroniche è un metodo moderno che sotto alcuni aspetti richiama i già collaudati sistemi privati di alcuni siti internet dove gli utenti (venditori ed acquirenti) trovano l’accordo contrattuale attraverso un’asta che può essere con il metodo del massimo ribasso o del massimo rialzo. Nel caso delle aste elettroniche con la pubblica amministrazione il metodo usato è quello del massimo ribasso ma con l’obbligo di fornire la qualità indicata dal bando di gara.

____________________

Fonte:
– decreto legislativo 50 del 18 aprile 2016.

Sito di ricerca:
www.normattiva.it

www.anticorruzione.it

Argomenti correlati:
asta elettronica

aste elettroniche metodi e procedure

– Come fare per avere il codice appalti sempre aggiornato a gratis

____________________

Si può affermare che la scelta del criterio di assegnazione attraverso l’asta elettronica ha il difetto di essere una corsa al massacro per il concorrente, per il motivo che vince la gara colui che è disposto a praticare il prezzo più basso. Dunque, fate molta attenzione nel calcolare i margini sui prezzi praticati in fase di asta.

Metodi e criteri.
L’asta elettronica è svolta attraverso un sistema informatico di negoziazione costituito da soluzioni e strumenti elettronici e telematici che consentono la presentazione delle offerte e la classificazione delle stesse secondo metodologie e criteri predefiniti, con modalità e soluzioni che impediscono di operare variazioni sui documenti, sulle registrazioni di sistema e sulle altre rappresentazioni informatiche e telematiche degli atti e delle operazioni compiuto nell’ambito delle procedure. Le stazioni appaltanti possono avvalersi, nel rispetto delle procedure di scelta del contraente disciplinate dal codice, di un apposito soggetto per le gestione tecnica dei sistemi informatici di negoziazione. Il sistema informatico consente al gestore ed alle stazioni appaltanti di controllare i principali parametri di funzionamento del sistema stesso, segnalando altresì i malfunzionamenti delle procedure e evidenziando le offerte di importo pari o superiore alla soglia di anomalia. Le attività e le operazioni effettuate nell’ambito del sistema informatico di negoziazione sono attribuite ai soggetti attraverso i sistemi di autenticazione informatica previsti dalla stazione appaltante ai sensi dell’articolo 1, comma 1, lettera b), del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82, e si intendono compiute nell’ora e nel giorno risultanti dalle registrazioni di sistema. Le registrazioni di sistema sono effettuate, conservate ed archiviate in conformità di quanto previsto dall’articolo 43 del decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82. Il tempo del sistema è sincronizzato sull’ora italiana riferita alla scala di tempo UTC (IEN), di cui al decreto del Ministero dell’industria, del commercio e dell’artigianato 30 novembre 1993, n. 591.

Ricorso alla aste elettroniche.
Le aste elettroniche sono un metodo per l’aggiudicazione dei contratti e vengono utilizzate in presenza di una gara con procedura aperta, ristretta, o negoziata previo bando. Nel corso di questi anni non sono mancate le critiche sul metodo che di fatto escludono tutti coloro che non hanno dimestichezza sull’utilizzo delle piattaforme informatiche. Le norme a cui bisogna fare riferimento sono il codice degli appalti, il decreto legislativo 50 del 18 aprile 2016, articolo 56.
Di regola, nei bandi di gara deve essere specificato che per l’aggiudicazione del contratto si procederà con il metodo dell’asta elettronica e per motivi di trasparenza, vengono indicati i dettagli operativi per la partecipazione. In questi casi, è ovvio che l’operatore economico dovrà essere in possesso di una buona conoscenza informatica, comunque adeguata per poter partecipare senza errori. Le aste elettroniche sono vietate nel caso in cui l’oggetto dell’appalto sia rappresentato da prestazioni intellettuali come ad esempio, la progettazione. Questo limite è tassativo ed il legislatore ha riconosciuto in modo implicito che l’attività professionale non può essere considerata una merce trattabile con un’asta al massimo ribasso.  Vi riportiamo il testo della norma richiamata.

DECRETO LEGISLATIVO
18 aprile 2016, n. 50
Vigente al: 22-4-2016

Art. 56 (Aste elettroniche)

1. Le stazioni appaltanti possono ricorrere ad aste elettroniche nelle quali vengono presentati nuovi prezzi, modificati al ribasso o nuovi valori riguardanti taluni elementi delle offerte. A tal fine, le stazioni appaltanti strutturano l’asta come un processo elettronico per fasi successive, che interviene dopo una prima valutazione completa delle offerte e consente di classificarle sulla base di un trattamento automatico. Gli appalti di servizi e di lavori che hanno per oggetto prestazioni intellettuali, come la progettazione di lavori, che non possono essere classificati in base ad un trattamento automatico, non sono oggetto di aste elettroniche.

2. Nelle procedure aperte, ristrette o competitive con negoziazione o nelle procedure negoziate precedute da un’indizione di gara, le stazioni appaltanti possono stabilire che l’aggiudicazione di un appalto sia preceduta da un’asta elettronica quando il contenuto dei documenti di gara, in particolare le specifiche tecniche, puo’ essere fissato in maniera precisa. Alle stesse condizioni, esse possono ricorrere all’asta elettronica in occasione della riapertura del confronto competitivo fra le parti di un accordo quadro di cui all’articolo 54, comma 4, lettere b) e c), e comma 6, e dell’indizione di gare per appalti da aggiudicare nell’ambito del sistema dinamico di acquisizione di cui all’articolo 55.

3. L’asta elettronica e’ aggiudicata sulla base di uno dei seguenti elementi contenuti nell’offerta:
a) esclusivamente i prezzi, quando l’appalto viene aggiudicato sulla sola base del prezzo;
b) il prezzo o i nuovi valori degli elementi dell’offerta indicati nei documenti di gara, quando l’appalto e’ aggiudicato sulla base del miglior rapporto qualita’/prezzo o costo/efficacia.

4. Le stazioni appaltanti indicano il ricorso ad un’asta elettronica nel bando di gara o nell’invito a confermare l’interesse, nonche’, per i settori speciali, nell’invito a presentare offerte quando per l’indizione di gara si usa un avviso sull’esistenza di un sistema di qualificazione. I documenti di gara comprendono almeno le informazioni di cui all’allegato XII.

5. Prima di procedere all’asta elettronica, le stazioni appaltanti effettuano valutazione completa delle offerte conformemente al criterio o ai criteri di aggiudicazione stabiliti e alla relativa ponderazione.

6. Nei settori ordinari, un’offerta e’ considerata ammissibile se e’ stata presentata da un offerente che non e’ stato escluso ai sensi dell’articolo 80, che soddisfa i criteri di selezione di cui all’articolo 83 e la cui offerta e’ conforme alle specifiche tecniche senza essere irregolare o inaccettabile ovvero inadeguata, ai sensi dei commi 8, 9 e 10.

7. Nei settori speciali, un’offerta e’ considerata ammissibile se e’ stata presentata da un offerente che non e’ stato escluso ai sensi dell’articolo 135 o dell’articolo 136, che soddisfa i criteri di selezione di cui al medesimo articolo 136 e la cui offerta e’ conforme alle specifiche tecniche senza essere irregolare o inaccettabile ovvero inadeguata, ai sensi dei commi 8, 9 e 10.

8. Sono considerate irregolari le offerte che non rispettano i documenti di gara, che sono state ricevute in ritardo, in relazione alle quali vi sono prove di corruzione, concussione o abuso di ufficio o accordo tra operatori economici finalizzato a turbare l’asta, o che la stazione appaltante ha giudicato anormalmente basse.

9. Sono considerate inaccettabili le offerte presentate da offerenti che non possiedono la qualificazione necessaria e le offerte il cui prezzo supera l’importo posto dalle stazioni appaltanti a base di gara stabilito e documentato prima dell’avvio della procedura di appalto.

10. Un’offerta e’ ritenuta inadeguata se non presenta alcuna pertinenza con l’appalto ed e’ quindi manifestamente incongruente, fatte salve le modifiche sostanziali idonee a rispondere alle esigenze della stazione appaltante e ai requisiti specificati nei documenti di gara. Una domanda di partecipazione non e’ ritenuta adeguata se l’operatore economico interessato deve o puo’ essere escluso ai sensi dell’articolo 80, o dell’articolo 135, o dell’articolo 136, o non soddisfa i criteri di selezione stabiliti dall’amministrazione aggiudicatrice ai sensi dell’articolo 83 o dall’ente aggiudicatore ai sensi degli articoli 135 o 136.

11. Tutti gli offerenti che hanno presentato offerte ammissibili sono invitati simultaneamente, per via elettronica, a partecipare all’asta elettronica utilizzando, a decorrere dalla data e dall’ora previste, le modalita’ di connessione conformi alle istruzioni contenute nell’invito. L’asta elettronica puo’ svolgersi in piu’ fasi successive e non ha inizio prima di due giorni lavorativi successivi alla data di invio degli inviti.

12. L’invito e’ corredato del risultato della valutazione completa dell’offerta, effettuata conformemente alla ponderazione di cui all’articolo 95, commi 7 e 8. L’invito precisa, altresi’, la formula matematica che determina, durante l’asta elettronica, le riclassificazioni automatiche in funzione dei nuovi prezzi e/o dei nuovi valori presentati. Salvo il caso in cui l’offerta economicamente piu’ vantaggiosa sia individuata sulla base del solo prezzo, tale formula integra la ponderazione di tutti i criteri stabiliti per determinare l’offerta economicamente piu’ vantaggiosa, quale indicata nel bando di gara o in altri documenti di gara. A tal fine, le eventuali forcelle devono essere precedentemente espresse con un valore determinato. Qualora siano autorizzate varianti, per ciascuna variante deve essere fornita una formula separata.

13. Nel corso di ogni fase dell’asta elettronica, le stazioni appaltanti comunicano in tempo reale a tutti gli offerenti almeno le informazioni che consentono loro di conoscere in ogni momento la rispettiva classificazione. Le stazioni appaltanti possono, purche’ previsto nei documenti di gara, comunicare altre informazioni riguardanti altri prezzi o valori presentati. Possono, inoltre, rendere noto in qualsiasi momento il numero di partecipanti alla fase specifica dell’asta. In nessun caso, possono rendere nota l’identita’ degli offerenti durante lo svolgimento delle fasi dell’asta elettronica.

14. Le stazioni appaltanti dichiarano conclusa l’asta elettronica secondo una o piu’ delle seguenti modalita’:
a) alla data e all’ora preventivamente indicate;
b) quando non ricevono piu’ nuovi prezzi o nuovi valori che rispondono alle esigenze degli scarti minimi, a condizione che abbiano preventivamente indicato il termine che rispetteranno a partire dalla ricezione dell’ultima presentazione prima di dichiarare conclusa l’asta elettronica;
c) quando il numero di fasi dell’asta preventivamente indicato e’ stato raggiunto.

15. Se le stazioni appaltanti intendono dichiarare conclusa l’asta elettronica ai sensi del comma 14, lettera c), eventualmente in combinazione con le modalita’ di cui alla lettera b) del medesimo comma, l’invito a partecipare all’asta indica il calendario di ogni fase dell’asta.

16. Dopo aver dichiarata conclusa l’asta elettronica, le stazioni appaltanti aggiudicano l’appalto in funzione dei risultati dell’asta elettronica.

____________________

nota della redazione:
Tutti i testi dei provvedimenti pubblicati non sono ufficiali. Per gli atti normativi, l’unico testo facente fede è quello pubblicato a mezzo stampa sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.