Come fare per avere il preambolo del codice appalti a gratis

Redazionale

Sai già che il codice appalti è stato modificato con il decreto legislativo n. 50 del 18 aprile 2016, e ti sei procurato un manuale con tutti gli articoli ma per qualche ragione non è stato riportato il preambolo, detto anche “parte introduttiva”? Se ti interessa avere il testo di questa parte del codice devi sapere che non ci sono problemi, su internet esistono siti istituzionali che offrono ottime informazioni gratis per tutti, anche per te.

Detto questo, utilizzando le informazioni che sto per suggerire riuscirai ad avere con le tue stesse mani e senza perdite di tempo, il testo originale del vigente codice appalti, compreso il preambolo che a te interessa. Le uniche cose ti cui hai bisogno è un computer, una connessione ad Internet ed un minimo di pazienza, entro 5 minuti avrai tutte le informazioni.

Il servizio Web che ti voglio suggerire e grazie al quale è possibile ottenere una copia del vigente codice appalti, a gratis, è

http://www.normattiva.it/

Si tratta di un sito governativo che offre un servizio di pubblico interesse consultabile da tutti e senza dover fornire i propri dati anagrafici. E’ una banca dati di grandi dimensioni perché contiene tutte le leggi italiane e la consultazione è semplice, intuitiva e consente di scaricare direttamente sul proprio computer qualsiasi documento. Se Vuoi, puoi salvare e stampare direttamente le singole pagine degli articoli del testo di legge di tuo interesse. Ti indico i passaggi da seguire:

– clicca su http://www.normattiva.it/ e nella pagina che vedrai clicca su “ricerca” che si trova nella parte superiore;

vedrai comparire sul monitor una maschera nella quale dovrai inserire gli estremi della legge che nel caso del codice appalti è il Dlgs 50 del 18 aprile 2016; quindi, dopo aver compilato con i dati di cui sopra, clicca su “cerca” ed in pochi secondi apparirà sul monitor il testo completo della legge vigente.

Per copiare tutto il testo sul tuo computer clicca su “versione stampabile” e poi, con i comandi del tuo browser vai su “salva pagina”. In pochi secondi il testo completo verrà copiato, pari pari, sul tuo computer. Come vedi, non è difficile avere a propria disposizione i testi di legge sempre aggiornati e senza spendere denaro.

Visto che sei qui su questo sito, ho scaricato il testo di tuo interesse che a tua volta potrai scaricare sul tuo computer, utilizzando i comandi del tuo browser. In ogni caso, tieni presente che l’unico testo facente fede è quello pubblicato a mezzo stampa sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

____________________

testo in vigore dal 19/4/2016

DECRETO LEGISLATIVO 18 aprile 2016, n. 50
Attuazione  delle  direttive  2014/23/UE,  2014/24/UE  e 2014/25/UE sull’aggiudicazione  dei  contratti  di  concessione,  sugli  appalti pubblici e sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua,  dell’energia,  dei  trasporti  e  dei  servizi  postali, nonche’ per il  riordino  della  disciplina  vigente  in  materia  di contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture.

PARTE I
AMBITO DI APPLICAZIONE, PRINCIPI, DISPOSIZIONI COMUNI ED ESCLUSIONI

TITOLO I
PRINCIPI GENERALI E DISPOSIZIONI COMUNI

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
VISTO l’articolo 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400;
VISTA  la  direttiva  2014/23/UE  del  Parlamento  europeo  e  del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sull’aggiudicazione dei contratti di concessione;
VISTA  la  direttiva  2014/24/UE  del  Parlamento  europeo  e   del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sugli appalti pubblici e che  abroga la direttiva 2004/18/CE;
VISTA  la  direttiva  2014/25/UE  del  Parlamento  europeo  e  del Consiglio, del 26 febbraio 2014, sulle procedure d’appalto degli enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti  e  dei servizi postali e che abroga la direttiva 2004/17/CE;
VISTA la legge 24 dicembre 2012, n.  234,  recante  norme  generali sulla partecipazione dell’Italia  alla  formazione  e  all’attuazione della normativa e delle politiche dell’Unione europea;
VISTA la legge 28 gennaio 2016, n. 11, recante: “Deleghe al Governo per l’attuazione  per  Pattuazione   delle   direttive   2014/23/UE, 2014/24/UE e 2014/25/UE del Parlamento europeo e del  Consiglio,  del 26 febbraio 2014, sull’aggiudicazione dei contratti  di  concessione, sugli  appalti  pubblici  e  sulle  procedure  d’appalto  degli  enti erogatori nei settori dell’acqua, dell’energia, dei trasporti  e  dei servizi postali, nonche’ per il riordino della disciplina vigente  in materia  di  contratti  pubblici  relativi  a   lavori,   servizi   e forniture”;
VISTO il decreto legislativo  12  aprile  2006,  n.  163,  recante:
“Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture
in attuazione delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”;
VISTO il decreto del Presidente della Repubblica  5  ottobre  2010, n.207 recante regolamento di esecuzione  ed  attuazione  del  decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, recante:  “Codice  dei  contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture in  attuazione  delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE”;
CONSIDERATO che la citata legge delega n.11 del 2016 statuisce  che il decreto di recepimento, oltre a disporre l’abrogazione del  codice di cui al decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163, del regolamento di attuazione n. 207 del 2010 e di altre disposizioni  incompatibili, preveda opportune disposizioni di coordinamento, transitorie e finali per  assicurare,  in  ogni  caso,  l’ordinata  transizione   tra   la previgente disciplina e la  nuova,  al  fine  di  evitare incertezze interpretative ed applicative;
CONSIDERATO, altresi’, che  la  citata  legge  delega  ha  dato  al Governo la possibilita’ di scegliere se adottare entro il  18  aprile 2016  il  decreto  legislativo  per  il  recepimento  delle  predette direttive e entro il 31 luglio 2016 il  decreto  legislativo  per  il riordino complessivo della disciplina vigente,  oppure  di  adottare, entro il medesimo termine del 18 aprile 2016, un unico decreto;
VALUTATA l’opportunita’  di  procedere  all’adozione  di  un  unico decreto  che  assicuri  il  corretto  recepimento   delle   direttive 2014/23/UE, 2014/24/UE e  2014/25/UE  e,  contestualmente,  introduca immediatamente  nell’ordinamento  un  sistema  di  regolazione  nella materia degli appalti  di  lavori,  forniture  e  servizi,  coerente, semplificato, unitario, trasparente ed  armonizzato  alla  disciplina europea;
RITENUTO, pertanto,  di  procedere  alla  emanazione  di  un  unico decreto legislativo che sostituisce ed abroga le disposizioni di  cui al citato decreto legislativo n. 163 del 2006 nonche’ quelle  di  cui al citato decreto del Presidente della Repubblica n.207 del 2010;
VISTO il decreto del Presidente della Repubblica in data  5  aprile 2016, con il quale il Presidente del Consiglio  dei  Ministri,  dott. Matteo  Renzi,  e’  stato  incaricato  di  reggere,  ad  interim,  il Ministero dello sviluppo economico;
VISTA la preliminare  deliberazione  del  Consiglio  dei  Ministri, adottata nella riunione del 3 marzo 2016;
ACQUISITO il parere della Conferenza unificata di cui  all’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n.281;
UDITO il parere del  Consiglio  di  Stato  espresso  dalla  sezione consultiva per gli atti  normativi  nell’adunanza  della  Commissione speciale del 21 marzo 2016;
ACQUISITI i pareri delle competenti commissioni  della  Camera  dei deputati e del Senato della Repubblica;
VISTA la deliberazione del Consiglio dei Ministri,  adottata  nella riunione del 15 aprile 2016;
SULLA PROPOSTA del Presidente del  Consiglio  dei  Ministri  e  del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti,  di  concerto  con  il Ministro dello sviluppo Economico, sentiti i  Ministri  degli  affari esteri  e  della  cooperazione   internazionale,   della   giustizia, dell’economia e delle finanze e della difesa;

EMANA

il seguente decreto legislativo:

– (segue articolo 1 e seguenti articoli fino al 220).