bandi di gara a gratis per tutti

Redazionale

Le informazioni sui bandi di gara si possono reperire su internet e questa modalità si basa sul principio della trasparenza amministrativa. La norma che impone l’uso di internet era già scritta nel vecchio codice appalti, il decreto legislativo 163 del 12 aprile 2006, allegato X, comma 2, lettera a). Questo decreto legislativo è stato abrogato dal decreto legislativo 50 del 18 aprile 2016, articolo 207.

___________________

Fonte:
– decreto legislativo 50 del 18 aprile 2016.

Sito di ricerca:

www.gazzettaufficiale.it

www.anticorruzione.it

Argomenti correlati:
gare appalto gratis

bandi di gara 

Preinformazione

____________________


Notizie a gratis per tutti.
In abbinamento ad internet le amministrazioni pubbliche utilizzano i consueti canali che sono, la pubblicazione sulla gazzetta ufficiale, esposizione del bando nell’albo pretorio nel caso di un comune, la pubblicazione sui quotidiani nazionali.
Nei casi e nei modi previsti dalle norme, la pubblicazione di atti amministrativi produce effetti legali. Reperire le informazioni sui bandi è la parte più facile di una gara di appalto e più esattamente, una qualsiasi impresa anche di piccole dimensioni può gestire in proprio la raccolta delle notizie sui bandi pubblicati , senza difficoltà, a gratis. Non tutti sanno che le informazioni sui bandi di gara sono di dominio pubblico, i vari documenti della gara possono essere scaricati da internet senza problemi e non esiste l’obbligo di fornire le proprie generalità. Infatti, le consultazioni dei siti internet di Ministeri, enti locali e qualsiasi società partecipata sono libere e gratuite ma non solo, gli enti appaltanti mettono a disposizione linee telefoniche che, a gratis, forniscono delucidazioni sulla singola gara di appalto.

Le principali fonti di informazione.
Quando si cercano notizie utili per il proprio lavoro non si perde mai tempo tuttavia, esistono delle tecniche che possono agevolare l’attività di ricerca e gestione delle informazioni. Ad esempio, con un un impegno medio di 15 minuti al giorno potete consultare le due principali fonti di informazione:

1) la gazzetta ufficiale dello Stato
già da molto tempo funziona il sito internet istituzionale dello Stato “gazzetta ufficiale”, fatto bene e di facile consultazione. In questo sito si pubblicano tutte le gazzette ufficiali, tre numeri ogni settimana e la consultazione è gratuita. Su ogni numero vengono pubblicati in media 60 bandi di gara, più di 9.500 bandi ogni anno complessivamente.

2) servizio contratti pubblici
è il sito internet a cura del Ministero delle infrastrutture dove si pubblicano i bandi di gara con i capitolati. E’ un sito ben fatto, semplice da consultare e gratuito. Su questo sito, ogni anno vengono pubblicate più di 3.000 gare di appalto.

Altre fonti pubbliche di informazione.
Esistono numerose banche dati liberamente consultabili fra le quali:

1) bollettino ufficiale regionale
Tutte le regioni pubblicano un loro bollettino (o gazzetta) ufficiale con una periodicità variabile. Ad esempio, per la Lombardia il sito è www.consultazioneburl.servizirl.it scaricabile in formato PDF.
Dunque, digitate nel motore di ricerca “bollettino ufficiale della regione (quella di Vostro interesse)” ed entrati nel sito cercate la serie che pubblica “gare di appalto” oppure “avvisi e concorsi”.

2) Regione, camere di commercio ed enti locali
oltre alle regioni, anche le camere di commercio e tutti i comuni hanno un loro sito internet con una sezione dedicata a “gare ed appalti”. Ci sono molti comuni in Italia, fate una lista di quelli che possono essere raggiunti con la Vostra impresa. Fatto questo, collegatevi con i siti degli enti locali di Vostro interesse per verificare se ci sono nuovi bandi.

3) società partecipate
Per prima cosa devi selezionare un elenco delle varie società partecipate di tuo interesse e memorizzare gli URL dei siti nel tuo browser, fra i “preferiti”. Il metodo più semplice è quello di consultare un motore di ricerca digitando ad esempio, “società partecipate del comune di … (quello di Vostro interesse)”.

4) altri enti
Per “altri enti” intendiamo i Ministeri, la Banca d’Italia, il Parlamento e tutti quelli che possono essere di Vostro interesse. Anche in questo caso, compilate un elenco con i vari URL ed una volta al mese collegatevi ad essi, sez. “bandi e gare”, per verificare i nuovi bandi.


Altre fonti private di informazione.
Ti premetto che nessuna banca dati privata sui bandi di gara è gratuita. Infatti, bisogna fare una distinzione fra:
a) fonti informative pubbliche;
b) banche dati private.

Oltre alle fonti informative pubbliche di cui sopra, che sono gratuite, esistono siti internet gestiti da privati che ricopiano i bandi pubblicati dagli enti pubblici. Tutti questi dati, ricopiati da fonti pubbliche, sono classificati in banche dati consultabili previa sottoscrizione di un abbonamento il cui costo medio è di 300 euro all’anno.

A titolo promozionale, molti di questi siti privati offrono un periodo di prova a gratis per un periodo variabile, da 7 giorni a 15 giorni. Scaduto questo termine, bisogna decidere se confermare l’abbonamento e pagare il costo del servizio.

Ti suggerisco di utilizzare le fonti pubbliche di cui sopra ma in ogni caso, qui sotto ti indico una lista dei principali siti privati che, in promozione, offrono un periodo breve di consultazione a gratis dei bandi di gara e poi, devi aprire il portafoglio a pagare il servizio in abbonamento:

Aedilweb
Un sito privato specializzato nel raccogliere notizie sui bandi di gara per lavori per l’edilizia. Qui puoi trovare anche delle notizie generiche e links utili per il settore delle costruzioni.

Appalti in linea
Appalti in linea è un sito specializzato nella elaborazione dei dati che dopo averli elaborati li vende con abbonamento. A titolo promozionale si può consultare i bandi e scaduto il tempo bisogna sottoscrivere un abbonamento.

Appalti pubblici
Su questo sito sono riprodotte le informazioni su norme e bandi di gara, altre notizie che potrebbero essere utili per chi si occupa di progettazione e direzione di un’opera pubblica.

Bandi di gara
E’ un sito privato a pagamento con varie soluzioni in abbonamento ed offre tutte le informazioni necessarie su appalti pubblici, con la possibilità di una consultazione provincia per provincia.

Mondo appalti
Sostanzialmente è una banca dati che ricopia buona parte dei bandi pubblicati con una cadenza regolare in modo da poter offrire un servizio dignitoso in funzione del costo annuo.

Solo appalti
Dispone di una banca dati abbastanza buona per chi si accontenta ma offre la possibilità di una prova. Anche in questo caso i dati provengono dalla pubblicazione dei bandi su gazzette ufficiali e siti di enti.

Telemat
E’ uno dei siti più “antichi” ed è costantemente aggiornato. Anche in questo caso, le notizie provengono dalle gazzette ufficiali e sono disponibili con una cadenza quotidiana. Il costo effettivo dell’abbonamento annuo non è a buon mercato. Dipende dalle tue esigenze ma prima, ti suggerisco di usufruire del periodo di prova a gratis.


Tutto appalti
Questo è un sito internet che spende una fortuna per essere sempre in prima pagina fra gli inserzionisti a pagamento. Tuttavia, non si può dire nulla di negativo in merito alla qualità dei suoi servizi che non sono in fascia bassa. Anche in questo caso, le notizie provengono dalle gazzette ufficiali.

____________________

 

Considerazioni finali.
Le informazioni si reperiscono nei modi che ti ho illustrato e come puoi capire, il sistema per entrare in possesso dei bandi di gara è molto semplice, rapido e gratuito se usi i siti istituzionali. Tuttavia, ci sembra giusto sottolineare che esistono società private che ricopiano i bandi di gara che poi rivendono con un abbonamento annuale, niente viene dato gratis, a parte un breve periodo di prova, vedi tu cosa è meglio fare.

*