A.T.I. e Consorzi nelle gare di appalto

Articoli 45, 47, 48 del Decreto legislativo 50/2016

Redazionale

Nei bandi di gara per l’appalto di un servizio come per esempio la ristorazione collettiva, è prassi richiamare l’attenzione delle A.T.I. (associazioni temporanee d’impresa) e consorzi, che le norme cui fare riferimento sono gli articoli 45, 47, 48 del decreto legislativo 50/2016, il codice dei contratti pubblici. L’operatore economico che desidera partecipare a una gara di appalto, come A.T.I. o consorzio, dovrebbe conoscere le norme di cui sopra. Tutto ciò è l’oggetto di questa pagina. Più avanti ti abbiamo richiamato i passaggi più importanti da tenere sempre in primo piano e alcuni link per gli eventuali approfondimenti.

_____________

Fonte:
– decreto legislativo 50 del 18 aprile 2016.

Sito di ricerca:
– www.normattiva.it

– www.anticorruzione.it

Argomenti correlati:
cauzioni e garanzie nelle gare di appalto

cauzione definitiva 

cauzioni e fideiussioni

cauzione provvisoria

_____________

Bandi di gara, procedura aperta, motivi di esclusione.
In sintesi, gli aspetti che si presentano con maggiore frequenza sono:
A) Bandi di gara, subappalto e richiesta di chiarimenti.
Le notizie sui bandi di gara sono su internet e le principali fonti sono:
– la gazzetta ufficiale;
– albo pretorio dei comuni.

La copia dei bandi di gara con la relativa documentazione li puoi scaricare da internet. In genere, non è ammesso il subappalto o la cessione del contratto e questa clausola è specificata nel bando di gara. Tuttavia, se desideri avere delucidazioni ti devi rivolgere direttamente all’ufficio dell’ente appaltante. I recapiti dell’ente appaltante sono indicati nel bando di gara.

B) Procedura aperta.
Nel bando di gara potrai leggere il tipo di procedura usata per la partecipazione che nella generalità dei casi, è la procedura aperta. Questa procedura prevede che tutti gli operatori economici in possesso dei requisiti specificati nel disciplinare possono partecipare con una loro offerta. Tieni presente che i documenti allegati nel bando di gara, comprendono relazioni tecniche ed altri elementi utili come ad esempio, il modulo per la domanda di partecipazione.

C) Motivi di Esclusione.
Per partecipare alla gara di appalto, l’ente aggiudicatore ti chiederà una serie di allegati o dichiarazioni in merito al possesso dei requisiti. In primo luogo, dovrai dichiarare l’insussistenza dei motivi di esclusione e la norma cui fare riferimento è l’art. 80 del D.lgs. 50/2016.
In sostanza, un operatore economico deve essere escluso se ha commesso alcuni reati, come ad esempio:
aver commesso reati di mafia; estorsione, truffa o reati contro il patrimonio; evasione fiscale; terrorismo; finanziamento del terrorismo; sfruttamento del lavoro minorile, tratta di esseri umani, delitti per induzione alla prostituzione; ogni altro delitto da cui derivi, quale pena accessoria, l’incapacità di contrattare con la pubblica amministrazione.
L’ente aggiudicatore procederà con una verifica in merito a tutte le dichiarazioni che presenterai e in particolare, la verifica riguarderà anche l’eventuale esistenza di gravi illeciti professionali, tali da rendere dubbia l’integrità della tua persona, del direttore e dei soci.

Consorzio, breve richiamo al codice civile.
Sui consorzi, ti richiamo l’art. 2602 del codice civile:

CODICE CIVILE
dei consorzi

Art. 2602 – Nozione e norme applicabili.

– Con il contratto di consorzio più imprenditori istituiscono un’organizzazione comune per la disciplina o per lo svolgimento di determinate fasi delle rispettive imprese.
– Il contratto di cui al precedente comma è regolato dalle norme seguenti, salve le diverse disposizioni delle leggi speciali.

Norme comuni su A.T.I. e consorzi nelle gare di appalto.
Associazioni temporanee d’impresa (A.T.I.) e consorzi sono aggregazioni che in comune hanno la finalità di perseguire obiettivi economici. Nel codice dei contratti pubblici gli articoli 45, 47 e 48 sono i principali punti di riferimento. Per questo motivo, riteniamo opportuno richiamare le predette norme.

A) articolo 45 del Decreto legislativo 50/2016.
Questo articolo riguarda la definizione di operatore economico ammesso nelle gare d’appalto. Nel comma 1 di questo articolo si dice che sono ammessi a partecipare alle procedure di affidamento dei contratti pubblici gli operatori economici. Per operatore economico si intende una persona fisica o giuridica, un ente pubblico, un raggruppamento di tali persone o enti, compresa qualsiasi associazione temporanea di imprese, un  ente senza personalità giuridica, che offre sul mercato la realizzazione di lavori o opere, la fornitura di prodotti o la prestazione di servizi. Su questo argomento abbiamo dedicato una pagina:

Operatore economico
Articolo 45 del decreto legislativo 50/2016.

B) articolo 47 del Decreto legislativo 50/2016.
Questo articolo è importante perché indica quali requisiti devono avere i consorzi per partecipare alle gare di appalto. In linee di massima, i consorzi stabili eseguono le prestazioni o con la propria struttura o tramite i consorziati indicati in sede di gara senza che ciò costituisca subappalto, ferma la responsabilità solidale degli stessi nei confronti della stazione appaltante. Su questo argomento abbiamo dedicato una pagina:

consorzi nelle gare di appalto
Articolo 47 del decreto legislativo 50/2016.

C) articolo 48 del Decreto legislativo 50/2016.
L’art. 48 in oggetto è molto importante perché tratta sia la questione dei raggruppamenti temporanei sia i consorzi ordinari di operatorio economici. Su questo articolo abbiamo dedicato una pagina con un collegamento che rimanda a una risoluzione dell’Agenzia delle Entrate (9/782/1983) ed altri aspetti fiscali. Per approfondimenti, collegati alla nostra pagina:

A.T.I. – art. 48 codice contratti pubblici
Decreto legislativo n. 50 del 18 aprile 2016

 _______________
*

Nota della redazione:
tutti i testi dei provvedimenti pubblicati non sono ufficiali. Per gli atti normativi, l’unico testo facente fede è quello pubblicato a mezzo stampa sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana.

**